Il canone non è dovuto per le occupazioni di soprassuolo con balconi, verande, bow-windows e simili infissi di carattere stabile, nonché per le tende poste a copertura dei balconi , delle finestre, o delle vetrine.

Non si applica neanche alle seguenti occupazioni:

  • opere, impianti, allacci ed in generale altri manufatti di collegamento degli utenti alle reti di erogazione di pubblici servizi;
  • intercapedini, fondamenta, e altre opere simili che non diminuiscano la fruibilità del suolo cittadino, quando siano necessarie alla stabilità o agibilità degli edifici;
  • occupazioni che misurino, ai fini della determinazione del canone, meno di mezzo metro quadrato;
  • aree, chioschi, impianti, opere in genere riservate agli autoveicoli in servizio pubblico di trasporto in concessione;
  • posteggi e accessi carrabili riservati, nei casi previsti dalla legge, a soggetti portatori di handicap;
  • occupazioni realizzate direttamente dallo Stato, dalle Regioni, dai Comuni e dagli altri enti pubblici non economici, esclusivamente nello svolgimento diretto delle loro funzioni istituzionali;
  • occupazioni realizzate in proprio dagli enti di cui all’ articolo 87, comma 1, lettera c) del testo unico delle imposte sui redditi, esclusivamente nello svolgimento di attività direttamente assistenziali, previdenziali, sanitarie, educative, culturali, politiche o di ricerca scientifica, purché da queste non vengano tratte, nemmeno indirettamente, utilità commerciali;
  • opere o altri manufatti di arredo urbano che non determinino un’ apprezzabile riduzione della fruibilità del suolo pubblico ma che ne costituiscano un abbellimento o comunque una valorizzazione;
  • opere, manufatti, impianti in genere realizzati per lo svolgimento di un servizio pubblico in forma non commerciale cui venga riconosciuto dalla giunta comunale un rilevante interesse cittadino;
  • occupazioni temporanee per lo svolgimento di opere edilizie sulla base di regolare autorizzazione o concessione edilizia, se stabilito e per la durata fissata con deliberazione della giunta comunale nell’ambito di speciali programmi di recupero ambientale cittadino;
  • opere di qualsiasi tipo volte a consentire o facilitare l’accesso agli edifici, la percorrenza delle vie o dei marciapiedi, ovvero la fruibilità di ogni altro servizio cittadino, a soggetti portatori di handicap;
    aree cimiteriali;
  • occupazioni temporanee realizzate mediante l’esercizio del commercio su aree pubbliche in forma itinerante.

In tutti i casi permangono tutti gli obblighi di conservazione e manutenzione del bene pubblico interessato dalla occupazione.